Università, prima seduta del Senato senza dottorandi

di Margherita De Quarto venerdì, 18 gennaio 2013 ore 09:48

S'insedia oggi il Senato Accademico. Si definiranno le regole per le elezioni del Rettore e si sceglierà la rosa dei candidati per il Cda

Università di Bari

Bari - Continua la trafila elettorale all’Università degli studi di Bari. Stamattina un Senato Accademico nuovo di zecca si riunirà per la prima volta con il compito di stilare un regolamento elettorale in vista delle elezioni per il Rettore dell’Università di Bari, e con quello di restringere la rosa dei candidati tra i quali si dovranno scegliere, in un secondo momento, i componenti per il Consiglio di Amministrazione.  

 

Secondo lo Statuto, il Cda dovrà essere così composto:

il Rettore, con funzioni di Presidente,

due componenti scelti tra personalità italiane o straniere non appartenenti ai ruoli dell’Università di Bari,

quattro componenti nominati nell’ambito del personale docente e tecnico-amministrativo/collaboratori ed esperti linguistici a tempo indeterminato dell’Università, di cui un professore di I fascia, un professore di II fascia, un ricercatore a tempo indeterminato ed  un appartenente ai ruoli del personale tecnico-amministrativo/collaboratori ed esperti linguistici a tempo indeterminato,

due rappresentanti degli studenti.

 

Sempre citando lo Statuto, i quattro componenti nominati nell’ambito del personale docente e tecnico-amministrativo, dovranno essere  individuati dalla Commissione di garanzia in una rosa di nominativi selezionata dal Senato Accademico in misura doppia per ciascuna categoria rispetto ai componenti da nominare. Durante questa prima scrematura, ogni testa varrà un voto e il Rettore parteciperà senza esprimere la sua "preferenza".

 

Fin qui tutto bene, se non fosse che all’appello manca una testa. Dopo le lunghe ed estenuanti elezioni dei rappresentanti degli studenti, tra cui i cinque Senatori – Eliano Cascardi, Vito Ardito, Pierpaolo Delmedico, Pietro Cavallera e Luigi Secondo - non si è fatto in tempo ad eleggere il rappresentante  dei dottorandi.

Ma le colpe non sono tutte da imputare ad una campagna elettorale lampo. Infatti, per definire quali sarebbero stati i dottorandi del ciclo di quest’anno, il XXVIII, è stato necessario attendere un bando uscito il 21 dicembre. Un’attesa dovuta anche ad aggiustamenti benefici, operati dalla Regione Puglia, sulle borse per il dottorato di ricerca.

 

Senza risalire troppo la risacca, quello che adesso conta è che i nomi dei dottorandi del XXVIII ciclo si conosceranno solo intorno al 10 febbraio o giù di lì, e solo da quel momento questi potranno dare un nome e un volto al proprio rappresentante. Forse in tempo per l’elezione del Rettore.

 

Nel frattempo non resta che lo scontento, un briciolo di indignazione ed una richiesta per il futuro, mossa proprio da Antonio Giampietro, Segretario dell’Adi – Associazione Dottorandi Italiani: “Anche i dottorandi di ricerca, attraverso il loro senatore (al momento mancante) avrebbero voluto partecipare all’elezione della rosa dei candidati per il Cda, non tanto per esprimersi su dei singoli nomi, ma per portare in Senato Accademico il proprio punto di vista sul futuro dell'università di Bari, che in molta parte dipenderà dalle scelte del Consiglio di Amministrazione, dove i dottorandi non saranno rappresentatiCiò che auspichiamo è che nell'individuazione del Cda vengano rispettati i principi contenuti nello Statuto del nostro Ateneo, alla cui scrittura hanno partecipato tutte le componenti della nostra università. Chiediamo inoltre che si provveda, non appena saranno esauriti i concorsi di dottorato, che si proceda alla elezione dei rappresentati dei dottorandi negli organi”.

 

Guardando invece a chi ha oggi l’onore e l’onere di sedere fra le fila dei Senatori, la scelta sui nomi per il Cda vede come probabili favoriti, fra i ricercatori:  Francesco Resta. Francesco Leonetti. Giovanni Luchena. Rossella Mininni. Fra gli Associati: Domenico Viola. Pierdomenico Logroscino. Fra gli ordinari: Stefano Bronzini. Fra il personale tecnico/amministrativo: Gianfranco Berardi. Francesco Franciosa. Guido De Santis e Francesca Falsetti.

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate

   

Inserisci un commento


Bari social




Commenti recenti

  • 85 babi

    Molto utili le informazioni di quest'articolo...purtroppo questi diasgi sono all'ordine del giorni per chi viaggia spesso e non. Neanche io ero a...

    Mostra articolo
  • PeterurgesEF Peterurges

    Предлагаем свои услуги...

    Mostra articolo
  • serra antonio

    salve, vorrei sapere se nel comune di taviano nella marina di mancaversa in provincia si lecce si paga la tassa di soggiorno. grazie

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!